Albo Pretorio Online

Amministrazione Trasparente

Autocertificazione Online

Fatturazione Elettronica

6000 Campanili

Progetto Decolle

Grundtvig 2008

Youth in Europe

iSantaSeverina

PEC

Castelfiaba

Censimento Obbligatorio Amianto

Cambio di Residenza

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

PROTOCOLLO INFORMATICO

Calcolo IMU

Aristippo touring service

Museo Diocesano Santa Severina

AREA RISERVATA

Accesso Posta Istituzionale

Accesso Posta Certificata

RSS di - ANSA.it

Piano Strutturale Comunale

Piano Strutturale Comunale

Bussola della Trasparenza

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Piazza Campo

Piazza Campo

 

Il Campo, il salotto buono, raffinato, infiorato, dove "ruzzano ancora fanciulli e centellinano il sole contadini e artigiani...
tra il Castello incombente e la Chiesa…il sole la impiuma di fiocchi di luce accecante… e le notti di luna è ancora la piazza irreale, come adagiata nel fondo di lago"; il Campo, che di tanto in tanto si trasforma in teatro ricolmo di folla e di colori, perché il ministro Segni vara la Riforma Agraria o perché sul palco è l'artista di turno, perché si inaugura la riconsegna del Castello restaurato alla presenza del Principe di Santa Severina, ultimo discendente dei Grutther, o perché Bartolomeo I, Patriarca di Costantinopoli, saluta dal sagrato un popolo dalle salde radici bizantine; il Campo, cuore pulsante del paese che, nel suo ampio pianoro, ha ospitato nei secoli cortei per gli insediamenti degli Arcivescovi Metropoliti o schiere di soldati in armi.

Meritava una sistemazione adeguata questa superba piazza, coi suoi spuntoni rocciosi che, autentici belvederi ad oriente ed occidente, mostrano il suggestivo scenario dei bruzii monti della Sila degradanti verso la vallata dello storico Neto, fino a mostrare un lembo dello ionico mare.

Gli architetti Alessandro Anselmi, romano, e Giuseppe Patanè, santaseverinese, elaborarono il progetto che spiccò il volo dalla Biennale di Venezia ai più importanti trattati e riviste di architettura.

Con l'utilizzazione di imprese locali (quella di costruzioni del geometra Luigi Apa e, per le opere in ferro, quella dell'artigiano Antonio De Fazio) fu completato a tempo di record il suggestivo impianto con la pavimentazione di porfido ed una serie di incisioni su travertino.

Nessuno meglio dell'amico Patanè poteva fornirci la descrizione della struttura. Riportiamo fedelmente le indicazioni dell'architetto, ringraziandolo per la sua disponibilità.

"L'elemento strutturale è una grande ellisse orientata con l'asse maggiore nord-sud. L'interno dell'ellisse è diviso in 12 quadrati dagli assi maggiore e minore e di 4 radiali convergenti in un sistema centrale che forma una rosa dei venti, il cui nucleo è costituito da un disegno che rappresenta . Da questo partono 8 aghi triangolari orientati secondo i punti cardinali che seguono la direzione dei venti, rappresentati da altrettanti volti incornciati in piccole ellissi. Dall'ellisse, figura bifocale, si irradiano al suo esterno, generati da un centro unico, degli archi di cerchio realizzati con cubetti di marmo bianco intercalati ogni 4 metri nel porfido, quasi a ridisegnare, all'esterno della grande figura ellittica la forma della piazza, a ridefinirne i confini. All'esterno dell'ellisse sono tracciati, sempre con cubetti di marmo bianco, due assi. Il primo, con direzione nord-sud, è il prolungamento dell'asse maggiore. All'intersezione con gli archi di cerchio sono posti dei bolli quadrati di travertino di 40 cm. di lato su cui sono incisi i simboli astrologici del Sole e dei pianeti. Il secondo asse unisce il Castello e la Cattedrale e, alla mezzeria tra gli archi di cerchio, è formato da bolli circolari di 40 cm. di diametro su cui sono disegnati i simboli alchemici delle materie. I due assi hanno in testata 4 grandi lastre su cui sono rappresentate le quattro stagioni a nord, i simboli del tempo a sud, il ciclo dell'oro e lo spirito dei metalli sull'asse Chiesa-Castello. Altre due lastre, tangenti all'ellisse in corrispondenza dell'asse minore, rappresentano il Sole a est e la Luna a ovest.

Nella Villa Comunale, situata sullo a sud-ovest della piazza e delimitata da questa da un ciglio parallelo all'asse Chiesa-Castello, sono stati realizzati con muratura di pietrame locale due sistemi di sedili. Il primo si sviluppa lungo il perimetro verso il fossato con funzione anche di parapetto. Il secondo sistema è costituito da un nucleo circolare con quattro appendici curvilinee formate da un doppio ordine di sedili. Il tutto, pur contenendo al suo interno qualche suggestione di , forma in realtà un grande sole anch'esso orientato, come l'ellisse della piazza, secondo i quattro punti cardinali. A sud, a ovest e a nord, nei punti di intersezione dei due assi centrali,realizzati con ciotoli di fiume e bordure di travertino, con il sedile perimetrale, il parapetto è tagliato, creando tre affacci rispettivamente verso il Castello, verso le montagne e verso il tessuto urbano di una stradina dal nome di derivazione greco-latina: la (da mesovia, via di mezzo). Quattro vialetti, sempre orientati, tangenti la parte centrale, dividono la villa in 9 campi. Al centro del disegno è posta una fontana di travertino di forma cubica sulle cui facce est ed ovest è disegnato un occhio, lo stesso che è al centro della rosa dei venti. Sopra la fontana è collocata una stella a 18 punte realizzata con quadrello di ferro. Altre tre forme sferiche con immagini astronomiche, sempre di ferro, si trovano al centro dei tre affacci - feritoie.

Alle spalle dei sedili centrali sono stati piantati, a riconoscimento della sua importanza nell'economia e nella cultura del luogo, 4 alberi di arancio.

Testi: dott. Francesco De Luca


Comune di Santa Severina

P. IVA 00297460792

Tel. 0962/51062 - Fax 0962/553956

Piazza Campo - 88832 - Santa Severina (KR)

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.165 secondi
Powered by Asmenet Calabria